Relazioni degli ambasciatori veneti al Senato: Relazioni d'Italia: v.1. Marco Foscari, ambasciatore alla Republica di Firenze, 1527. Carlo Capello, Firenze, 1530. Vincenzo Fedeli, Firenze, 1561. Andrea Boldù, Savoia, 1561

Front Cover
Società editrice fiorentina, 1839
 

Selected pages

Common terms and phrases

Popular passages

Page 42 - L'antiche leggi, e furon si civili, Fecero al viver bene un picciol cenno Verso di te, che fai tanto sottili Provvedimenti, che a mezzo novembre Non giunge quel che tu d'ottobre fili.
Page 42 - E se ben ti ricordi e vedi lume, vedrai te somigliante a quella inferma che non può trovar posa in su le piume, ma con dar volta suo dolore scherma.
Page 306 - ... e così vincere ovvero insieme con la vita perdere il tutto; AVENDO DETERMINATO CHE QUELLI CHE RESTERANNO ALLA CUSTODIA DELLE PORTE E DEI RIPARI, SE PER CASO AVVERSO LA GENTE DELLA CITTA FOSSE ROTTA, ABBIANO CON LE MANI LORO SUBITO AD UCCIDERE LE DONNE ED I FIGLIUOLI, E POR FUOCO ALLE CASE, E POI USCIRE ALL...
Page 422 - Torino, e vi stette fino all'età delli sette anni ; poi dispensò un anno tra Vercelli e Milano ; ma sopravvenendo la guerra , si ritirò con la madre in Nizza , dove stette per sette anni continui , e di là si parti per Vercelli cinque giorni soli prima che vi andasse l'armata turchesca che l'abbruciò, nel i543.
Page 424 - È giusto principe e clemente molto nel perdonare, in che si lascia pregare assai da madama sua, la quale ama e osserva quanto possa essere alcuna moglie amata e osservata da qualsivoglia marito : onde se è vero questo suo amore, il reputo io il più amorevol marito che viva; e se è fìnto, Io giudico artificiosissimo senza pari. » Della liberalità di questo principe parlandosi, dicono lì suoi che già tempo fa n...
Page 423 - La quale intanto saprà che la statura di questo principe è niediocre , e tende più presto al piccolo ; è di grazioso e amabile aspetto , di vita dispostissimo, ben complessionato e sano, se non che patisce di catarro per li vini di Spagna che beve ordinariamente, che sono gravissimi , e forti assai. Va a piedi per la maggior parte , ed è atto ed esercitato a...
Page 423 - Pur della religione di questo signor duca dirò d'un segno solo, con tutto che molti non ne mancheriano : il quale esempio, come fu degno allora d'essere operato da Sua Eccellenza, così sarà non indegno da sapersi da Vostra Serenità e dalle Signorie Vostre Eccellentissime. E fu la prima volta che questo signor duca avesse carico di generalato dell' esercito di Fiandra, quando l'Imperatore lo mandò sotto Hesdin.
Page 428 - Uesdin , quale ebbe a discrezione , e ne cavò da' prigioni molte migliaja di scudi. Dapoi fu spianato questo Hesdin, e fabbricatone un altro due miglia lontano, nel quale parve a Sua Eccellenza di lasciar memoria di sé ; imperocché gli pose nome Hesdinfert, giungendo al primo nome le quattro lettere che sono l'impresa di casa sua.
Page 446 - i popoli non sanno » industriarsi ad altro esercizio che di lavorar le terre e » lo dimostrano molto bene le case loro nelle quali non » si vede tanta roba che vaglia quattro danari ; parlo » degli uomini del contado e del popolo ancora, per...
Page 424 - ... solo , quanto incognito si poteva ; onde ognuno che lo vide e intese ciò, giudicò, come giovane ch'egli era ea cui non spiacevano le donne, ch'egli andasse a pigliar licenza da qualche sua innamorata. Niente di manco si seppe di certo poi , che sua eccellenza andò al monastero di san Paolo; dove essendo stato tutta...

Bibliographic information