Perchè Divina Commedia si appelli il poema di Dante, dissertazione di un Italiano

Front Cover
Società tip. de'classici italiani, 1819 - 62 pages
0 Reviews
Reviews aren't verified, but Google checks for and removes fake content when it's identified
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 49 - O somma luce che tanto ti levi da' concetti mortali, alla mia mente ripresta un poco di quel che parevi, e fa la lingua mia tanto possente, ch'una favilla sol della tua gloria possa lasciare alla futura gente; che, per tornare alquanto a mia memoria e per sonare un poco in questi versi, più si conceperà di tua vittoria.
Page 48 - Dell' universo infin qui ha vedute Le vite spiritali ad una ad una, Supplica a te, per grazia, di virtute Tanto che possa con gli occhi levarsi Più alto verso l'ultima salute.
Page 46 - ... questa proferta, degna di tanto grato, che mai non si stingue del libro che '1 preterito rassegna. Se mo sonasser tutte quelle lingue che Polimnia con le suore fero del latte lor dolcissimo più pingue, per aiutarmi, al millesmo del vero non si verria, cantando il santo riso e quanto il santo aspetto facea mero; e così, figurando il paradiso, convien saltar lo sacrato poema, come chi trova suo cammin riciso.
Page 46 - Al Padre, al Figlio, allo Spirito Santo Cominciò gloria tutto il Paradiso, Sì che m' inebbr'iava il dolce canto. Ciò ch1 to vedeva mi sembrava un riso Dell' universo, perché mia ebbrezza Entrava per F udire e per lo viso.
Page 48 - Da quinci innanzi il mio veder fu maggio Che 'I parlar nostro, eh' a tal vista cede, E cede la memoria atanto oltraggio.
Page 45 - Se mo sonasser tutte quelle lingue, Che Polinnia con le suore féro Del latte lor dolcissimo più pingue, Per aiutarmi, al millesmo del vero Non si verria, cantando il santo riso, E quanto il santo aspetto facea mero.
Page 16 - V epico-grafico-morale sì eneomiastico che detestatilo , ed in massima parte anche satirico. Del detestativo e satirico sono promiscuamente ma generalmente le prime due Cantiche, mentre per lo encomiastico la terza precipuamente si distingue. Onde giustificare questa proposizione fa di mestieri che io accenni ciò che per genere epico-grafico-morale io veramente intenda. Epica poesia é quella che sensualizza gl'ideali dell...
Page 25 - Y entusiasmo ha per oggetto 1* illusione, é sempre un' azione perfetta, e sviluppata nelle sue cause ed effetti: e tale è appunto l'ideale del poema di Dante. L'uomo non come individuo, ma come genere, é il protagonista del poema.
Page 46 - Poema sacro, Al qual ha posto mano e Ciclo e terra, Sì che m
Page 43 - E chi ci assicura che Dante stesso non abbia attribuito al suo poema l'aggiunto...

Bibliographic information