The Power of Dante

Front Cover
Marshall Jones Company, 1918 - 248 pages
 

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 236 - Risposi lui con vergognosa fronte. O degli altri poeti onore e lume, Vagliami il lungo studio e il grande amore, Che m' han fatto * cercar lo tuo volume. Tu se...
Page 91 - L'una vegghiava a studio della culla, E consolando usava l'idioma Che pria li padri e le madri trastulla; L'altra, traendo alla rocca la chioma, Favoleggiava con la sua famiglia De' Troiani, di Fiesole e di Roma.
Page 192 - How doth the city sit solitary, that was full of people ! How is she become as a widow ! She that was great among the nations, and princess among the provinces, How is she become tributary...
Page 126 - Un' aura dolce , senza mutamento Avere in sé , mi feria per la fronte , Non di più colpo , che soave vento ; Per cui le fronde , tremolando pronte , Tutte quante piegavano alla parte U...
Page 222 - Amor, che a nullo amato amar perdona, Mi prese del costui piacer si forte, Che, come vedi, ancor non m'abbandona. Amor condusse noi ad una morte : Caina attende chi a vita ci spense.
Page 219 - Vid' io in essa luce altre lucerne Muoversi in giro più e men correnti, Al modo, credo, di lor viste eterne.
Page 243 - Fuor sei dell' erte vie, fuor sei dell' arte. Vedi là il sol che in fronte ti riluce ; Vedi l' erbetta, i fiori e gli arbuscelli, Che qui la terra sol da sè produce. Mentre che vegnan lieti gli occhi belli, Che lagrimando a te venir mi fenno, Seder ti puoi e puoi andar tra elli. Non aspettar mio dir più, nè mio cenno. Libero, dritto e sano è tuo arbitrio, E fallo fora non fare a suo senno; Perch' io te sopra te corono e mitrio.
Page 217 - E come giga e arpa, in tempra tesa di molte corde, fa dolce tintinno a tal da cui la nota non è intesa, 120 così da' lumi che lì m'apparinno s'accogliea per la croce una melode che mi rapiva, sanza intender l' inno. Ben m'accors' io ch'elli era d'alte lode, però ch'a me venia 'Resurgi' e 'Vinci' come a colui che non intende e ode.
Page 216 - Te Deum laudamus, mi parea Udir in voce mista al dolce suono. Tale imagine appunto mi rendea Ciò ch' io udiva, qual prender si suole Quando a cantar con organi si stea : Che or sì or no s
Page 133 - Nel mezzo del cammin di nostra vita, Mi ritrovai per una selva oscura Che la diritta via era smarrita.

Bibliographic information