Teoria e prospetto ossia dizionario critico de'verbi italiani conjugati specialmente degli anomali e malnoti nelle cadenze, Volume 2

Front Cover
Stamperia de Romanis, 1814 - 719 pages
0 Reviews
Reviews aren't verified, but Google checks for and removes fake content when it's identified
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 553 - O voi che siete in piccioletta barca, desiderosi d'ascoltar, seguiti dietro al mio legno che cantando varca, tornate a riveder li vostri liti: non vi mettete in pelago, che, forse, perdendo me rimarreste smarriti.
Page 464 - Non potremo noi trovar modo che costui si lavasse un poco dove che sia, che egli non putisse così fieramente?
Page 409 - Le latora delle quali vie tutte di rosai bianchi e vermigli e di gelsomini erano quasi chiuse: per le quali cose non che la mattina , ma qualora il sole era più alto , sotto odorifera e dilettevole ombra, senza esser tocco da quello vi si poteva per tutto andare. Quante e quali e come ordinate poste fossero le piante che erano in quel luogo , lungo sarebbe a raccontare , ma niuna 11' é lodevole, la quale il nostro aere patisca , di che quivi non sia abbondevolmente.
Page 442 - U' son or le ricchezze ? u' son gli onori E le gemme e gli scettri e le corone E le mitre ei purpurei colori ? Miser chi speme in cosa mortai pone! (Ma chi non ve la pone ?) e s'ei si trova Alla fine ingannato, è ben ragione. O ciechi, il tanto affaticar che giova?
Page 485 - Virtù diversa fa diversa lega col prezioso corpo ch'ella avviva, nel qual, sì come vita in voi, si lega. Per la natura lieta onde deriva, la virtù mista per lo corpo luce come letizia per pupilla viva.
Page 589 - Quivi fé' ben de le sue prove eccelse, ch'un alto pino al primo crollo svelse: e svelse dopo il primo altri parecchi, come fosser finocchi, ebuli o aneti; e fé' il simil di querce e d'olmi vecchi, di faggi e d'orni e d'illici e d'abeti.
Page 489 - Veggio che dietro agli altri mi rimagno: Morrò di sete, quando non procacci Di trovar per mio scampo altro rigagno. Cugin, con questo esempio vo...
Page 491 - ... vanno di male brigate assai, le quali molte volte ne fanno di gran dispiaceri e di gran danni; e se per isciagura, essendoci tu, ce ne venisse alcuna, e veggendoti bella e giovane come tu se', e...
Page 372 - Egli salito in furore, con la spada ignuda in mano sopra la figliuola corse, ( la quale, mentre di lei il padre teneva in parole, aveva un figliuol maschio partorito) e disse : o tu manifesta di cui questo parto si generasse , o tu morrai senza indugio. La giovane la morte temendo, rotta la promessa fatta a Pietro, ciò che tra lui e lei stato era tutto aperse. Il che udendo il cavaliere, e fieramente divenuto...
Page 362 - Rompendo co' sospir l' aere da presso: Quante fiate sol, pien di sospetto, Per luoghi ombrosi e foschi mi son messo Cercando col pensier l'alto diletto, Che Morte ha tolto; ond...

Bibliographic information